Immagine

Un app o un guardaroba? E’ solo Lookhave!

“Guarda cosa ho comprato con un solo click, mi ha fatto impazzire appena l’ho visto! Lo indossava, l’ ho riconosciuto e l’ ho acquistato”. Tutto questo e altro ancora si può grazie ad un App dal nome Lookhave scaricabile in modo gratuito sul proprio smartphone. Quante volte passeggiando per le strade abbiamo pensato, guardando una borsa o un capo di abbigliamento addosso a qualcuno, dove lo avrà acquistato? Chissà quanto costa? Vorrei averlo anche io! Queste domande ora hanno una risposta ed è Lookhave. A dicembre è stata presentata a Milano, con una festa in suo onore, questa applicazione che porta gli amanti della moda nel paese incantato, dove tutto è possibile. Ma come sia possibile che un App crei un mio guardaroba personale, la mia wishlist e addirittura l’ elenco dei prodotti e condividere tutto questo con i miei amici? E se voglio comprare il look di una determinata influencer o di un preciso brand che ho visto in giro? E se voglio essere io in prima persona ad abbinare e coordinare il mio look e ciò che desidero? Ecco la parola magica che viene in aiuto a questi miei pensieri, Lookhave. Con la sua funzione Image Recognition, affinando la ricerca e inserendo colore, categoria e genere, posso trovare quella determinata cosa che ho visto, tra accessorio o capo di abbigliamento. Con il suo database ho la possibilità di creare i miei outfit e sul social wall o direttamente via chat posso mostrarli, attraverso foto e video, ai miei follower o influencer o brand. E se vi dicessi che ogni cosa attraverso questo gioiellino si può acquistare e vendere? Si, lo so che forse sto esagerando ma ormai tutto è lecito oggi, infatti questa applicazione ti mette in contatto con i più famosi e-commerce e con altri utenti da cui puoi comprare ma anche vendere in modo sicuro e senza commissioni. Insomma moda, social e smartphone riuniti e collegati con ed in un unico strumento. Un vero e proprio guardaroba digitale che ci accompagnerà ovunque e con il quale potremo interagire in ogni momento.

Annunci
Immagine

Un’icona di stile: la pelle nera!

Nel 1930 Greta Garbo riempiva le sale cinematografiche con il suo fascino, comparendo nel film evento “Anna Christie” avvolta in un indimenticabile impermeabile di pelle nera cerata. Sfrontatezza e mistero sono i due ingredienti che vedendola mi vengono subito da dire, poi guardando la sua persona in alcune immagini di quel tempo con quel soprabito in pelle lucida, gli elementi che mi saltano all’occhio sono charme e consapevolezza di se stessa. Seduzione, eleganza, sicurezza, carisma sono le prime caratteristiche che la pelle nera dona quando la si indossa, la sua anima rock è evidente, più nascosta risulta la sua delicatezza che a mio avviso è presente, perchè con fare morbido ti fascia e si adagia al tuo corpo avvolgendolo. Lo spirito aggressivo sottolineato dal semplice chiodo in pelle è ormai un must, rimane tutt’ora uno dei capi cult che viene riproposto in varie versioni in maniera ciclica ma ogni volta attrae e vorremo averne sempre uno nuovo nel nostro armadio. Oltre al solito total black ora lo possiamo trovare in vari colori, proprio ieri ne ho visto uno rosa e devo dirvi che non era proprio niente male, una sfumatura soft su un capo dai connotati strong.

Negli anni ’50 la pelle nera era considerata sintomo di ribellione e la si vede legata alla musica come espressione di un look sfrontato e di uno stile irriverente. E’ Yves Saint Laurent che inserisce nelle sue collezioni questo materiale che si adatta perfettamente sia a donna che a uomo, la donna si veste di decisione, l’uomo indossa determinazione. Diventa un capo di abbigliamento che viene indossato indipendentemente dalla stagione. Dai capispalla alle gonne, dai blouson ai pantaloni, dalle scarpe alle borse, la pelle diventa icona di stile senza tempo e senza seguire regole precise. Stilisti come Krizia, Dior, Versace e Gucci fanno di questo materiale una tendenza, diventa espressività graffiante e intensità femminile per le donne, mentre per gli uomini audacia prorompente.

La pelle incarna uno stile forte e magnetico, usciamo dagli schemi, osiamo e giochiamo, chissà che la nostra sicurezza non si rafforzi attraverso il nostro look?! Mi viene in mente un film in cui vestire questo materiale aveva creato sicurezza nella protagonista, Grease o di una serie tv, Happy Days, in cui un chiodo in pelle era il simbolo della personalità dell’ indimenticabile Fonzie. Perchè non prendere spunto?!

Immagine

Gli occhi del mondo: Instagram

Immediato, veloce, istantaneo, diretto sono tutti sinonimi per definire il Social che raggruppa in se diversi stili usando però un unico mezzo che è la fotografia. Una foto, un’ immagine non è stata mai considerata così rilevante come in questo Social, ogni step viene curato, viene filtrato, ogni foto viene spiegata e promossa, ogni immagine coglie il momento, l’ adesso, il tempo si ferma sull’immagine e le parole parlano per lei, qualsiasi cosa ritrae comunica il volere di chi la condivide, diventa la firma di ognuno, rappresenta la voce silenziosa di ognuno di noi. Il suo nome deriva dall’unione di due concetti che sarebbero l’essere istantaneo quindi espresso dalle foto e l’essere un telegramma dato che alle foto vengono aggiunte brevi descrizioni, tutto questo è Instagram. Il suo mondo è fatto di svariati stili proprio perchè chi gravita in questo spazio virtuale ha una personalità che esprime attraverso le proprie foto, qualsiasi cosa viene immortalata, diventa fruibile a molti, a tanti, è la foto che prende voce ed è con essa che diventi reale, vivo. Ogni foto rappresenta l’attimo e ogni volta che la si guarda si rivive quell’attimo. Instagram diventa una vera galleria d’arte, in cui diverse stanze presentano la loro collezione, in cui gli artisti usano le loro qualità per raccontare loro stessi esponendo il loro stile, ogni quadro/foto è una pagina di vita, è una testimonianza di realtà. Ogni giorno scopri un’opera nuova con sue caratteristiche e una sua storia, ogni giorno puoi seguire l’impronta di un nuovo artista, ogni giorno puoi fare conoscere la tua di galleria. Diventa un mondo da cui trarre idee e ispirazioni, un modello che può essere simile al proprio look oppure completamente opposto. Il bello è proprio viaggiare attraverso le foto e far viaggiare attraverso il nostro stile.

Nel mondo della moda Instagram è visto dai brand uno strumento primario per rilevare la propria particolarità e personalità, Eva Chen, Instagram’s Head of Fashion Partnership, spiega, “Instagram democratizza la moda. Al giorno d’oggi c’è una maggiore connessione con il cliente. Le marche possono diffondere la loro voce e parlare direttamente al loro pubblico. Per questo motivo i designer non pensano più solamente alle persone che assisteranno allo show… ”  Grazie alla tempestività del suo essere Instagram diventa una piattaforma in cui nascono collaborazioni tra persone comuni e aziende di prodotti, creando vere e proprie influencer. Un esempio lo è OVS che attraverso un programma #ovspeople i consumatori pubblicano immagini di se stessi con il capo acquistato inserendo anche l’hashtag e condividendo le loro passioni, dopo due mesi dieci di queste persone vincono la possibilità di partecipare ai canali social della marca. Un rapporto interattivo e costante.

“Una fotografia non è né catturata né presa con la forza. Essa si offre. È la foto che ti cattura.”
(Henri Cartier-Bresson)

 

Immagine

Un EcoFur come amico!

La vedi di tutti i colori, dal semplice bianco ad arrivare all’ acceso fucsia, passando dal blu, dal nero, dal rosso, dal grigio, dal verde, dal rosa, insomma in qualsiasi tonalità la si vuole c’è. E’ calda, avvolgente, coprente, ti avviluppa nella sua morbidezza facendoti sentire al sicuro, con lei sembra che tutto si può superare perchè la sensazione di protezione è viva. Può essere lunga o corta, ampia o leggermente avvitata, rasata o pelosa, qualsiasi sia lo stile che ci veste lei lo valorizzerà. Glamour e chic, di un’ eleganza e sontuosità non comune e la cosa principale che le dà un valore inestimabile è proprio la sua sostituzione a quella vera pur conservandone le caratteristiche tipiche. Il suo nome è EcoFur, eco-pelliccia che in questa stagione sta prendendo piede in ogni versione, e non solo per il suo fascino ma soprattutto per essere buona nel non usare neanche un minimo pelo di animale. Altro dettaglio non poco rilevante è il prezzo, dato che non si parla solo di eco-pellicce di grandi firme ma anche di pellicce sintetiche prodotte da aziende accessibili ad ogni tasca. La bellezza di avere un Eco-Fur è proprio il fatto di sentirsi amico degli animali, che pur indossando un mantello peloso non si torce minimamente un capello ad un animale. Chi di noi non ha un piccolo animale a cui vuole bene? Chi di voi, anche non possedendoli, non ha la sensibilità di proteggere quegli esseri istintivi? Quindi, ecco la risposta alla voglia di indossare la morbidezza di una pelliccia ma senza far male ai nostri amici pelosi. Oltre ai capi di abbigliamento come cappotti, giacche, gilet, scarpe, troviamo l’uso della pelliccia ecologica anche per gli accessori, dalla borsa ai cappelli, dalle sciarpe ai guanti, insomma ormai è un must-have. La carezzevole sensazione che il tessuto dona ogni volta che lo si guarda e lo si tocca è inspiegabile. Come se quella lucentezza e cedevolezza della pelliccia ti trasportasse in un altro mondo fatto di calore e colori, di tepore e delicatezza.

“Non si può falsificare l’eleganza, ma si può essere eleganti con una pelliccia sintetica.”
Karl Lagerfeld
Immagine

Lo zodiaco si veste: il Capricorno

Eleganza è il suo secondo nome dato che il primo è Capricorno, un segno che per il suo modo di fare, il suo essere sempre ordinato, sobrio e tradizionale, determinato e sicuro di se, intende la moda come espressione di se stesso. Il suo stile può cambiare nel tempo e a seconda dei periodi che vive, ma la sua fermezza sui colori o su alcuni accessori o ancora su alcuni capi lo porta ad avere nel proprio guardaroba dei must a cui non rinuncerebbe mai. È una personalità che sarebbe capace di indossare vestiti non consoni all’ ambiente solo perchè il suo volere e risolutezza gli suggerisce di vestire in un certo modo, come una gonna corta anche quando l’etichetta la vorrebbe longuette e la t-shirt con le scritte anche quando sarebbe meglio mettere la camicia bianca. La programmazione di come andare vestito per il Capricorno è la sua prima regola, sceglie la propria mise ogni giorno in maniera accurata e molto precisa e alle volte con un pizzico di severità. Sfoggia di solito un look dai toni scuri o comunque colori basici, abiti dal taglio lineare e classico scegliendo se può grandi firme. È un segno che adora i tailleur e i completi, prediligendo lo stile androgino ma senza dimenticarsi di quel tocco femminile. Nonostante il suo spirito determinato i suoi outfit fanno trasparire sentimenti come sensibilità e timidezza, che rendono la persona che nasce sotto questo segno un essere terreno dato che il suo atteggiamento alle volte viene considerato freddo, spavaldo e distaccato.

Ex modella per maison di moda come Dior e Versace, ex Premiere Dame di Francia, Carla Bruni rappresenta la figura di esempio di questo segno per la sua raffinatezza e classe, per il suo modo di fare e il suo andare dritto per la propria strada. Passa da un beauty-look sexy e trasgressivo dei primi anni fino ad arrivare ad una estetica più bon ton e meno ribelle, in altre parole più soft, e si nota anche da ciò che indossa senza mai risultare contro corrente. Insomma un segno dalla faccia minimal-chic!

Immagine da Pinterest.

Immagine

Vestiamo il Natale!

Ed eccoci quì a festeggiare quell’ atmosfera magica ed incantata che ti fa viaggiare con la mente e i pensieri e ti porta con se nel suo mondo illuminato. Un mondo fatato per grandi e piccoli che ti allieta con colonne sonore e lucine, facendoti sentire quel calore che provi quando indossi il tuo capo natalizio. Ed eccoci a scegliere il vestito più comodo per aspettare la Vigilia, l’abito particolare che ci rappresenti il giorno di Natale, eccoci a decidere di vivere quest’ aria avvolgente parlando attraverso i colori del nostro abbigliamento o lo scintillio dei nostri accessori, o mediante il nostro make-up in tema natalizio. Tutto ruota intorno alla magia che questo periodo porta con se, da chi segue la tradizione alla lettera a chi se la fa propria, da chi sente la festa sua a chi la vive come uno stato d’animo, insomma qualunque sia il modo di comportarsi i giorni natalizi diventano parte di noi.

Questo è il periodo dei film a tema natalizio, di quelle storie strappalacrime, tenere e romantiche e dolci che accompagnano queste ore magiche, ma dai tanti film si prende anche spunto dei look, degli outfit che potrebbero fare al caso nostro e alcuni abiti diventano dei veri e propri must-have. Pellicole in cui l’abbigliamento non passa inosservato come in “Love Actually” dove l’attrice Martine McCutcheon sfoggia un irresistibile cappotto rosso che possiamo trovare da Mango. O come in “L’ Amore non va in Vacanza” in cui la bellissima Cameron Diaz è avvolta da un montone bianco per proteggersi dalla neve, lo stesso color panna per lo shearling reversibile di Loro Piana. O ancora come in “Il Diario di Bridget Jones” dove Renée Zellweger è costretta ad indossare il vestito con la stampa “tapesty” fiorata, ora di grande moda con la coulisse sui polsi e le rouches sulle spalle nella collezione di Missoni.

Il Natale è tutto ciò che reputiamo tale come anche ciò che indossiamo, quindi sbizzarriamoci come più vogliamo e sentiamoci liberi di esprimere il nostro stile natalizio.

“Se è passato il tempo in cui accadevano miracoli, ci è rimasto almeno un giorno magico in cui tutto può succedere.”
(Jostein Gaarder)

 

Immagine

Un capo che prende vita ogni anno che passa: il Jeans!

Il suo termine deriva dalla parola Genes, che stava ad indicare in francese la città di Genova. Il tessuto originario era un misto di cotone e lino molto robusto usato dalla Marina Militare Genovese nel 1500. Il fustagno, così era chiamato il tessuto, venne prodotto in Lombardia e in Francia a Nemis, e proprio da questa città derivò il successivo nome Denim. La sua nascita è attribuibile a Levis Strauss e Davis Jacob. Infatti nel 1800 Strauss aprì un negozio di abiti da lavoro utilizzando questo tessuto e dopo si associò a Jacob, sarto, che inventò i rivetti, in altre parole delle borchie che fissavano le tasche ai pantaloni così da impedire che gli attrezzi da lavoro cadessero o rovinassero il tessuto. La nascita ufficiale dei Jeans risale al 1873. Queste pillole di storia danno una sorta di vissuto a quello che ormai è e sarà un capo intramontabile. Gli stilisti ne hanno creato e continuano a creare infinite varianti, si sbizzarriscono nel decorarlo e nel modificarlo e più lo fanno più aumenta il fascino e la bellezza di questo tessuto. A zampa di elefante, attillati, con le borchie, eleganti e con tessuti preziosi, e ancora a vita alta, larghi, strappati o con orli scuciti, i Jeans conservano le caratteristiche di praticità e sex appeal in qualsiasi forma si presentano. Il Jeans è considerato il simbolo di diverse generazioni, si passa da quello che indossava James Dean o Elvis Presley grazie ai quali lo si può associare al rock and roll e al divismo on the road, a quello delle proteste e ribellioni giovanili degli anni ’60 e ’70, fino ad arrivare all’ importanza simbolica di adesso.

“Ho detto spesso che avrei voluto inventare io i blue jeans: il capo più spettacolare, più pratico, più rilassante e informale che esista” Yves Saint Laurent.

Jeans vuol dire moda, vuol dire glamour, vuol dire cool, ma anche trendy e chic, insomma i Jeans hanno in sè diverse anime e le esprimono ogni volta che li indossiamo. Un capo di abbigliamento che non si può non amare, il suo charme acquista ancora più valore quando lo abbiniamo a tutto il resto, che sia una scarpa elegante o che sia una t-shirt basica. Più passa il tempo, più lo si usa e lo si lava, più la “vecchiaia” lo rende di tendenza. Acquistiamoli e portiamoli come se fossero parta di noi, facciamo si che il nostro stile parli attraverso i Jeans, perchè i Jeans sono vita!